• Main page
Giornata intera
Featured Segnalati

primavera ad arte

Kronos - Museo della Cattedrale via prevostura, 7, Piacenza

Da mercoledì 30 marzo torna «Primavera ad Arte», la rassegna culturale promossa da Kronos – Museo della Cattedrale di Piacenza e dall’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Piacenza – Bobbio, in collaborazione con CoolTour e Domus Justinae, giunta alla sua terza edizione. In questo 2022 l’offerta si articola nell’ambito del fitto programma di eventi culturali e pastorali legati alle celebrazioni per i 900 anni della Cattedrale. Come nelle precedenti edizioni il museo Kronos apre le porte al dialogo con altri attori e istituzioni del territorio Le iniziative si svolgeranno tra il 30 marzo e il primo maggio, il calendario verrà costantemente aggiornato. SCARICA QUI IL PROGRAMMA COMPLETO, ma controlla sempre il nostro calendario aggiornato per essere informato di eventuali integrazioni o variazioni! Come di consueto gli eventi spazieranno dai concerti alle visite guidate, dalla didattica per bambini, alle visite virtuali, dal teatro alle video conferenze. Di seguito alcune anticipazioni relativamente agli appuntamenti in programma. Mercoledì 30 marzo prenderà il via la rassegna con due eventi: alle 18.00 la presentazione di “Un’Opera al mese” – un dipinto del Museo Collezione Mazzolini di Bobbio verrà esposto mensilmente su una parete dedicata presso Kronos – Museo della Cattedrale, in un incontro tra musei che con l’arte vogliono annullare le distanze, mostrando opere raramente esposte al pubblico – e alle 21.00 la presentazione dell’evangelario artistico opera di Giovanni Alberti, che avrà luogo nella sezione archivistica del museo, in un dialogo ideale con i libri sacri medievali qui custoditi. Giovedì 31 Marzo prenderà invece il via il “Cineforum in cattedrale”, otto appuntamenti con il cinema d’autore e d’animazione che si terrà ogni giovedì. La rassegna, organizzata dalla Diocesi di Piacenza-Bobbio in collaborazione con la cooperativa Cooltour, l’associazione culturale Cinemaniaci e il Cineclub “G. Cattivelli” di Piacenza, vuole fornire spunti di riflessione e approfondimento, attraverso il linguaggio filmico, su temi legati al periodo di fondazione della Cattedrale, il Medioevo, e alla sua religiosità: il cinema si farà quindi strumento di divulgazione e stimolazione per l’immaginario antico, e grazie alla sua natura di linguaggio culturale potrà  fornire agli spettatori una nuova chiave di lettura per vivere la storia che ci vuole narrare questo importante novecentenario. Non mancherà ogni settimana un appuntamento con le attività d’intrattenimento culturale per i più piccoli, che tra cacce al tesoro, laboratori ludico-creativi e passeggiate didattiche avranno modo di imparare la storia della nostra città divertendosi, accompagnati dalle educatrici del museo che sveleranno loro i misteri e le suggestioni di 900  anni di storia, avvalendosi di diversi linguaggi comunicativi. Continua inoltre la collaborazione di Kronos con i Manicomics con lo spettacolo “Brutta canaglia la solitudine” di Daniele Finzi Pasca, nell’esclusiva e suggestiva location dei sottotetti del transetto sud: una storia surreale, che racconta la fragilità di tutti davanti al destino. Una fragilità bella, la fragilità di chi non smetterà mai di resistere. Ci sono miracoli, atti carichi di talento, c’è la speranza nell’attesa e il ritrovarsi quotidiano con l’amicizia che rinnova il ricordo e la promessa che un giorno, finalmente, qualcosa possa cambiare. Il teatro avrà spazio anche in cattedrale la sera del 9 aprile con lo spettacolo “La cattedrale e la via”, da una drammaturgia originale di Sergio Di Benedetto, che narra del giovane pellegrino Alessio, in cammino sulla via Francigena, che nel grande duomo, tra le colonne che trasudano storia e umanità, incontra un vecchio scultore, Angelo, artista insolito e spiazzante, al lavoro per edificare, un passo alla volta, una grande opera, che è un edificio, ma anche un tassello di una comunità umana più ampia. Domenica 3 aprile si terrà “Kronos per la pace”, giornata di raccolta fondi destinati alla Croce Rossa Italiana a sostegno delle popolazioni colpite dalla guerra in Ucraina: verranno organizzate tre visite guidate del museo cui i visitatori potranno prendere parte lasciando un’offerta minima, inoltre i turni di salita alla cupola saranno eccezionalmente 4 anziché 3, e gli incassi dei biglietti verranno anch’essi interamente devoluti. Il 30 aprile sarà invece possibile conoscere gli educatori e i ragazzi dell’Associazione “La Matita Parlante”, che presenteranno il loro progetto di accessibilità sul percorso museale riguardante la vita dei santi, inserito all’interno della app MuseumMix. Torneranno i concerti dal vivo: due serate di Jazz in museo “7 Paintings -Musiche per sette dipinti” Sette investigazioni sonore intorno ai dipinti di KRONOS, Museo della Cattedrale di Piacenza, in collaborazione con l’associazione Cantiere Simone Weil, un percorso di lettura non didascalica di sette opere esposte, attraverso la lente di una musica per strumento solo, dove i manufatti artistici prenderanno vita attraverso l’interpretazione musicale del sax soprano di Gianni Mimmo, musicista di fama internazionale che ha già portato il proprio format in importanti circoli e gallerie europee; il concerto dello storico Coro Cremonese, diretto da Patrizia Bernelich presso la chiesa di San Rocco e il concerto del Coro Giovanile Italiano, una formazione corale unica in Italia, che per la prima volta giunge a Piacenza con i suoi oltre 40 elementi provenienti da tutta Italia, cantando nella nostra Cattedrale pagine corali dal passato fino alla contemporaneità. Alcuni eventi in programma verranno realizzati grazie ai fondi di “Piacenza riparte con la cultura”, sostegno proposto dal Comune per fornire un aiuto concreto a un settore in difficoltà come quello culturale. Tra questi “Scripta Manent: 9 Documenti, IX Secoli” itinerario esclusivo nell’Archivio della Cattedrale, ideato e condotto dal prof. Tiziano Fermi, dove saranno visibili i più preziosi documenti conservati dall’alto medioevo ad oggi. Per consultare il calendario sempre aggiornato, per informazioni e iscrizioni agli eventi www.cattedralepiacenza.it/900anni. In allegato il programma completo. Gli eventi “Brutta canaglia la solitudine”, “7 paintings – musiche per 7 dipinti”, “Scripta Manent: 9 Documenti, IX Secoli” “Voci dal passato per una storia lunga 900 anni” “Colpi di scalpello, echi di preghiera: la cattedrale medievale e i suoi protagonisti” sono realizzati con il contributo del Comune di Piacenza, nell’ambito del progetto “Piacenza riparte con la Cultura”.

Featured Segnalati

CINEFORUM

Kronos - Museo della Cattedrale via prevostura, 7, Piacenza

All’interno del ricco calendario di eventi per la celebrazione dei 900 anni della Cattedrale di Piacenza, giovedì 31 marzo prenderà avvio la rassegna “Cineforum in Cattedrale”, otto appuntamenti con il cinema d’autore e d’animazione. La rassegna, organizzata dalla Diocesi di Piacenza-Bobbio in collaborazione con la cooperativa Cooltour, l’associazione culturale Cinemaniaci e il Cineclub “G. Cattivelli” di Piacenza, vuole fornire spunti di riflessione e approfondimento, attraverso il linguaggio filmico, su temi legati al periodo di fondazione della Cattedrale, il Medioevo, e alla sua religiosità. Insieme a concerti, visite guidate, attività didattiche e conferenze, anche il cinema si fa quindi strumento di divulgazione e stimolazione per l’immaginario antico, e grazie alla sua natura di linguaggio culturale potrà  fornire agli spettatori una nuova chiave di lettura per vivere la storia che ci vuole narrare questo importante novecentenario. Per l’occasione il salone parrocchiale del Duomo torna ad animarsi come cinema, con un nuovo grande schermo e un nuovo impianto audio. La serata di inaugurazione vedrà la proiezione di documentari storici, realizzati dal Cineclub “G.Cattivelli” e relativi a lavori di restauro e ripristino che hanno riguardato il complesso monumentale della Cattedrale nell’ultimo secolo. Seguiranno tre appuntamenti con film d’autore: giovedì 7 aprile con “Il settimo sigillo” (1957) di Ingmar Bergman inizierà il viaggio nelle atmosfere medievali, nei costumi e nella religione del tempo. Tale viaggio proseguirà il 14 aprile con “Francesco giullare di Dio” (1950) di Roberto Rossellini e il 21 aprile con “Il processo a Giovanna d’Arco” (1962) di Robert Bressan, due opere mirabili che raccontano la vita di due personaggi simbolo del Basso Medioevo, accumunati dalla ricerca fervida e appassionata che entrambi condussero in nome di Dio per la realizzazione del comune sogno di pace e di libertà, e emblemi di rinnovamento morale e spirituale. Non mancheranno appuntamenti dedicati alle famiglie e ai bambini. In particolare due sono i titoli di animazione in calendario rivolti a questa fascia di pubblico: “Il gobbo di Notre Dame” (1996), celebre classico disneyano che sarà proiettato il 28 aprile alle ore 17:00 (unico appuntamento pomeridiano), e “The Secret of Kells” (2009), poetico racconto della vita di un giovane monaco irlandese, previsto per il 12 maggio. Questo piccolo gioiello d’animazione si ispira alle meravigliose decorazioni del manoscritto medievale da cui prende il titolo, conservato presso la Biblioteca del Trinity College di Dublino, e verrà proiettato in lingua originale (inglese) sottotitolato, poiché il film non è mai stato distribuito in Italia. Parlando di Medioevo, scelte religiose e manoscritti, non poteva certo mancare il coinvolgimento di Bobbio: il 5 maggio sarà proiettato “Il nome della rosa” di Jean-Jacques Annaud (1986), tratto dall’omonimo romanzo di Umberto Eco, come omaggio alla prestigiosa storia dello scriptorium bobiense. La rassegna si concluderà giovedì 19 maggio, con la proiezione del capolavoro del cinema mondiale “Andrej Rublev” (1969) di Andrei Tarkovskj, opera fortemente spirituale che narra la vita di un pittore di icone nel XV secolo, e parabola sul senso dell'arte che vince sulla politica sanguinaria degli uomini. Le proiezioni avranno luogo alle ore 20:45, nel salone parrocchiale della cattedrale con accesso dai chiostri del Duomo. Al termine seguirà un dibattito condotto dagli esperti cinefili dell’Associazione Cinemaniaci, stimolando il confronto, lo scambio e la socializzazione. L’ingresso alle proiezioni sarà gratuito. Numero posti limitato, prenotazione consigliata all’indirizzo [email protected] oppure al recapito telefonico 331.4606435.

€5,00
Featured Segnalati

CONCERTO DEL CORO GIOVANILE ITALIANO

Cattedrale di Piacenza Piazza Duomo, Piacenza

Una formazione corale unica in Italia, per la prima volta giunge a Piacenza. Un coro di più di 40 elementi provenienti da tutta Italia si troverà in Duomo per cantare pagine corali dal passato fino alla contemporaneità. La varietà temporale del programma vuole sottolineare e celebrare lo scorrere dei novecento anni della Cattedrale di Piacenza, luogo in cui si terrà l'evento I 40 giovani coristi, tra i 18 e i 28 anni, provengono da diverse città d’Italia e da molteplici esperienze musicali e periodicamente si rinnovano portando energia, vitalità e passione. La costituzione di questa formazione, nel 2003, ha permesso di allineare la coralità italiana agli altri contesti europei. Nel corso degli anni si sono alternati alla guida del Coro Giovanile Italiano maestri di fama internazionale quali Filippo Maria Bressan, Nicola Conci, Stojan Kuret, Lorenzo Donati con Dario Tabbia, Gary Graden con Roberta Paraninfo, Luigi Marzola con Carlo Pavese, Davide Benetti con Petra Grassi. Il coro ha affrontato repertori diversi tra loro: dalla polifonia rinascimentale al Novecento storico, dalla Scuola napoletana del ‘700 al repertorio popolare delle regioni italiane, dal Romanticismo ai compositori contemporanei, di varia origine e stile. Il Coro Giovanile Italiano viene spesso invitato a esibirsi in importanti festival, eventi e stagioni corali e musicali sia in Italia che all'estero e costituisce un'importante occasione formativa per i giovani cantori italiani. Ingresso libero fino a esaurimento posti